lunedì 1 febbraio 2016

Viaggio in Egeo Kimolos, Despotiko, Paros...






Lasciamo a malincuore Milos, felici di averla assaporata nella sua essenza più bella per raggiungere la sua gemella Kimolos.......tranquilla, isolata, brulla, ancora più naturale ed incontaminata...un gioiello di vera autenticità e bellezza....
Dopo la mitica colazione greca a base di yogurth di capra autentico e frizzante salpiamo!!!!
Il calendario segna l'8 Ottobre ed é ancora estate piena quaggiù.....questa mattina il Mago, meraviglioso Arcano Maggiore, ci regala dal Cielo il pieno dell'Attività sacra e magica dell'azione concreta, ma anche trascendentale, interiore, di costruzione empatica e sublime con l'esperienza che stiamo vivendo....é una carta di grande potere, ogni elemento e strumento ci consentono di attuare ciò che abbiamo insieme progettato nella mente...destrezza, voglia di vivere, trasformare....come il Mago siamo tenacemente in azione in un preludio di luce naturale e di scelta mai casuale, intrisa di positiva energia.... 
Ci fermiamo dopo pochissime miglia da Milos, in una spiaggia isolata e sabbiosa dove restiamo fino a pomeriggio inoltrato....
Procediamo per Kilomos, a NE di Milos...l'isola è bassa e brulla, non per questo meno affascinante specie nella Khora, luogo abitato per lo più da vivaci anziani, ancora in piena attività.....















Appare quasi come un paese abbandonato, circondato da mura antiche verso il Castello di cui sono rimasti solo pochi ruderi, alcuni addirittura intatti, mentre una grande basilica si erge al centro, ricca al suo interno di icone del 1800 circa. La popolazione, se pur scarsa di numero, é molto gentile e crediamo di averla incontrata quasi tutta lungo il nostro percorso...tra i vicoli del paese vecchio e lungo il chilometro che lo separa dal mare...le case tipiche dell'Egeo, bianchissime e con le finestre colorate, verdi, azzurre  o blu, appaiono curate nei minimi particolare...ci rilassiamo a bordo di Maui per una serata tranquilla e di assoluto relax...siamo solo noi nel porto e ci sentiamo privilegiati e sereni!!!! Per fortuna il clima mite ci sta accompagnando lungo tutto il percorso e ne viviamo in pieno la meravigliosa opportunità!!!



Procediamo verso Despotiko, a ovest di Antiparos, un'isola che coniuga la bellezza naturale con i numerosi siti archeologici...decidiamo di rimandare la curiosità storica quando giungeremo a Delos e di gustare la meravigliosa oasi che ci circonda dopo una bellissima navigazione a vela....La baia dell'Isola é ampia, a tratti verdeggiante, a tratti dorata e ci accoglie generosa, regalandoci un fresco bagno pomeridiano (24 gradi ancora) e una notte stellata con un firmamento e stelle cadenti come se fossimo in agosto...il cielo é limpido e pulito...solo due barche nella baia, bandiere francese e greca, tranquillità estasiante in un lembo di terra e di mare lasciato incredibilmente naturale ed incontaminato...giammai saccheggiato da costruzioni quasi sempre inutili e spesso dannose per un'ecosistema così delicato e naturale...ma in Grecia per fortuna è ancora possibile anche questo!!!!


A Despotiko non c'è molto, tranne alcuni reperti archeologici e ciò che resta del Tempio di Apollo; é comunque piacevole trascorrere la notte circondati dal silenzio maestoso dell'isola e dalla calma del mare ben racchiuso e protetto da venti...








Il passaggio raffigurato in foto permette di non dover fare un ulteriore percorso inutile intorno l' isola di Despotiko e di immettersi più velocemente verso Paros che dista 12 miglia.
Si consiglia, comunque, di attraversare lentamente l'anfratto fra le due rocce e di porre attenzione,  perché a tratti il fondale si abbassa notevolmente fino ad arrivare a due metri...





10 ottobre 2015


E' già sabato, i giorni trascorrono sereni, ma non per questo lenti....!!!!Anzi!!!! Corrono inesorabilmente veloci e a nulla vale il nostro tentativo di fermare ogni secondo...Il risveglio gradevile nella baia di Despotiko é allietato come sempre dall'ottima colazione greca yogurthosa.....Stamattina anche i Tarocchi e la lettura sono tutti incentrati sul meteo e Maui...rapporto indissolubile...la carta del Carro inclinato si sostiene sull'allerta ed incertezza, che ci induvono ad ancorarci in un luogo sicuro per possibile maltempo preannunciato...il cielo diviene sempre più grigio e navigliamo verso l'isola di Paros....

 




All'ingresso di Paros ulteriore regalo dal mare!!!!Ci risolve il dilemma di cosa cucinare....
Ammainiamo la randa e filiamo l'ancora in una larga baia poco distante da Paros, in modo da stare tranquilli e non in un porto...già ben ingolfato da barche....





Siamo solo noi con due altre barche, ma pian piano ne arrivano altre...la baia é grande, tranquilla...non facciamo in tempo a preparare un ottimo pranzo a base di fresco tonno appena pescato che inizia a piovere a dirotto, rendendo il momento ancor più magico e affascinante...Piove per tutto il pomeriggio, ne approfittiamo per leggere e riposare; Maui ci protegge anche nel pozzetto fuori, il teak resta perfettamente asciutto e si può stare comodi anche fuori... decidiamo di non scendere per visitare l'isola e di aspettare gli eventi; abbiamo scelto bene, perchè ad un tratto si ode un lento e stridulo ululare del vento, sempre più incalzante, fino a toccare punte di 30-35 nodi....come previsto é arrivato, abbastanza potente e "cazzuso", a tratti con raffiche più violente e ribelli che duranno per tutta la notte....



                 


                   

Paros é una grande isola situata in Egeo meridionale e la sua costa si estende per quasi 120 km; un tempo era unita ad Antiparos ed è nota in maniera particolare per la produzione di marmo; d'estate è cosmopolita ed accesa, per fortuna noi siamo riusciti a conoscerla in un periodo tranquillo, ma tra le sue vie è sempre possibile incontrare turisti in ogni periodo dell'anno....











Restiamo tranquilli come preventivato, visto il maltempo, mentre la mattinata scorre serena se pur sotto il fruscio della pioggia incessante tra letture, lavoretti, relax.... Ancora qualche goccia, altre raffiche fino alle 18 quando,  improvvisamente, la calma scende sovrana e decidiamo di dare un'occhiata a Paros dirigendoci verso Parikia con il tender.....Il posto non ci coinvolge particolarmente, ci appare un po' elegante e sornione...ma é solo una nostra impressione, anche per via del maltempo che ci ha proiettato in un clima quasi invernale....Il porto di Parikia (capoluogo di Paros) vanta  un molo ampio, con alle spalle montagne e una cittadina allegra ed accogliente...qui sbarcano anche i traghetti e d'estate é un via vai continuo di colori. di gente, di movimento. Naoussa ha un'atmosfera tipicamente greca, con taverne e negozietti particolari, luci soffuse, colori rilassanti.......tutto sommato siamo felici di averla potuta visitare ora, in un' atmosfera più tranquilla e discreta....mentre il viaggio continua!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento